Avviso pubblico per l’adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare

IL DIRIGENTE

Viste:

  • l’Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 658 del 30/03/2020 recante: “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”.
  • l’articolo 2 comma 1 del Decreto Legge 23 novembre 2020, n.154, pubblicato nella GU n.291 del 23/11/2020 che al comma 1 testualmente recita “Al fine di consentire ai comuni l'adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare, è istituito nello stato di previsione del Ministero dell'interno un fondo di 400 milioni di euro nel 2020, da erogare a ciascun comune, entro 7 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto”

rende noto che

tutti i cittadini che pensano di averne titolo, sulla base del presente avviso, in quanto in possesso dei requisiti di seguito specificati, possono presentare richiesta per beneficiare di buoni spesa da utilizzarsi esclusivamente in uno degli esercizi commerciali che aderiscono alla manifestazione d’interesse pubblicata dall’Amministrazione Comunale.

L’elenco degli esercizi commerciali sarà pubblicato e costantemente aggiornato sul sito web del comune.

Il richiedente che dichiara il falso, oltre ad essere immediatamente escluso dai benefici, verrà denunciato nelle sedi competenti.

Presentazione dell’istanza

L’Istanza andrà presentata esclusivamente con il modello allegato scaricabile dal sito istituzionale dell’ente: www.comunedipisticci.it

L’istanza dovrà essere presentata esclusivamente tramite mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 24,00 del giorno 20 dicembre 2020.

Ogni nucleo familiare può presentare una sola domanda.

Alla mail dovrà essere allegato (in formato pdf o jpeg) il modello debitamente compilato in ogni sua parte e sottoscritto, nonché copia di un documento di riconoscimento in corso di validità.

 

Motivi di non accoglimento dell’istanza

Allo scopo di adempiere alle regole sul distanziamento sociale, si esclude la consegna a mano di domande in formato cartaceo al protocollo dell’Ente o ai Servizi Sociali, nonché qualsiasi altra forma di presentazione diversa dalla trasmissione alla mail indicata.

Le istanze non debitamente sottoscritte non saranno accolte. Saranno, altresì, escluse le istanze non leggibili, ovvero prive della copia del documento di riconoscimento.

 

Soggetti beneficiari

Possono accedere alla misura di “solidarietà alimentare”:

A) prioritariamente:

i nuclei familiari in difficoltà economica per effetto dell'emergenza Coronavirus in cui non ci siano soggetti percettori di reddito e/o beneficiari di altri contributi pubblici e/o misure di sostegno al reddito (es. Reddito di Cittadinanza, RMI, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno previste a livello locale o regionale);

La condizione di difficoltà economica per effetto dell'emergenza Coronavirus dovrà essere dettagliatamente descritta nella domanda, redatto secondo il modello dell’autocertificazione resa ai sensi dell’art. 76 del DPR 445 del 28.12.2000 e dell’art. 495 C.P.;

B) in subordine:

i nuclei familiari in condizione di ordinaria precarietà economica amplificata dagli effetti della emergenza sanitaria in atto (es. difficoltà a reperire occupazioni informali, cessazione di benefici economici derivanti da attività socio-occupazionali, tirocini, stage, ecc.), in cui siano presenti percettori di reddito e/o beneficiari di altri contributi pubblici e/o misure di sostegno al reddito (es. Reddito di Cittadinanza, RMI, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno previste a livello locale o regionale), e che presentino i seguenti inderogabili requisiti:

  • essere in condizione di temporanea difficoltà – tutto il nucleo familiare – con reddito, riferito all’anno 2020, in qualsiasi forma inferiore ad € 700,00 mensili;
  • non avere – tutto il nucleo familiare – giacenze monetarie su conti correnti bancari, postali (escluso i buoni postali), carte prepagate e simili superiori ad € 5.000,00;
  • non essere proprietario e/o comproprietario – tutto il nucleo familiare – di altri immobili, residenziali o comunque produttivi di reddito, oltre all’abitazione di residenza.

Fino ad esaurimento delle risorse disponibili, ferma restando la priorità per gli appartenenti alla categoria sub A rispetto a quelli della categoria sub B, costituiscono, nell’ordine, ulteriori criteri di preferenza, all’interno di ciascuna categoria:

  • il non aver già percepito il sussidio del buono spesa erogato dal Comune di Pisticci nell’ambito dei precedenti Avvisi pubblici riferiti all’emergenza Covid 19;
  • il maggior numero di componenti il nucleo familiare, quantificati esclusivamente sulla base di quanto risulta dall’anagrafe comunale,
  • l’ordine cronologico di presentazione della domanda.

Per “nucleo familiare” si intende il richiedente e tutte le persone risultanti dallo stato di famiglia anagrafico.

 

Esclusioni dal beneficio

Sono esclusi dall’accesso al beneficio:

  • coloro che, pur percependo forme di sostegno pubblico al reddito, non si trovano nella condizione di cui al precedente punto B;
  • coloro i quali abbiano una prestazione di lavoro dipendente o di lavoro autonomo che non abbia subito interruzioni o sospensioni per effetto dell'emergenza Coronavirus;
  • i titolari di trattamenti pensionistici il cui nucleo familiare non abbia subito una modifica della situazione reddituale a seguito dell’emergenza epidemiologica;
  • coloro che fanno parte di nucleo familiare in cui un altro componente ha presentato istanza per accedere al beneficio della presente misura di solidarietà alimentare.

 

Modalità di erogazione

L’Ufficio Servizi Sociali, a seguito di apposita istanza e celere istruttoria, rilascerà fino a quando le somme trasferite saranno disponibili, ad ogni nucleo familiare che ne ha titolo, dei buoni spesa secondo gli importi di cui alla seguente tabella:

  • € 100,00 per un nucleo familiare composto da una sola persona;
  • € 200,00 per un nucleo familiare composto da due persone;
  • € 300,00 per un nucleo familiare composto da tre persone;
  • € 400,00 per un nucleo familiare composto da quattro o più persone.

In presenza di figli minori di 6 anni, disabili, anziani non autosufficienti, il buono spesa è incrementabile di ulteriori € 50,00 per ogni minore, disabile o anziano non autosufficiente presente.

 

Modalità di utilizzo dei buoni spesa

Il buono spesa:

  • dà diritto all’acquisto di soli prodotti alimentari, generi di prima necessità e medicinali (compresi quelli in promozione), e non comprende: a) alcolici; b) prodotti per il giardinaggio; c) arredi e corredi per la casa (es. stoviglie ecc.); d) giocattoli; e) ogni altro articolo non di prima necessità.
  • non è cedibile;
  • non è utilizzabile quale denaro contante e non dà diritto a resto in contante;
  • comporta l’obbligo per il fruitore di regolare in contanti l’eventuale differenza in eccesso tra il valore facciale del buono ed il prezzo dei beni acquistati;
  • deve essere firmato dal titolare all'atto dell'utilizzo.

Le famiglie potranno spendere i buoni entro la data del 31 marzo 2021 presso gli esercizi commerciali che hanno aderito alla manifestazione di interesse dei servizi sociali comunali, di cui all’elenco predisposto dal Comune.

 

Ulteriori informazioni potranno essere richieste ai numeri telefonici 3501326390 e 3501326482, dal lunedì al venerdì dalle ore 10,00 alle ore 12,00.

 

Pisticci, lì 11 dicembre 2020

Il Dirigente Settore I

Avv. Nicola Sabina

Allegati:

Scarica questo file (modello_domanda_buoni_spesa.pdf)Modello di domanda[ ]228 kB
Scarica questo file (avviso pubblico buoni alimentari.pdf)Avviso pubblico[ ]1864 kB
Torna su